Loading...
HOME / CRONACA / ECCO IL FUNGO CHE DISTRUGGE LE CELLULE CANCEROSE, RAFFORZA L’INTESTINO E DISINTOSSICA IL FEGATO!

ECCO IL FUNGO CHE DISTRUGGE LE CELLULE CANCEROSE, RAFFORZA L’INTESTINO E DISINTOSSICA IL FEGATO!

loading...

ECCO IL FUNGO CHE DISTRUGGE LE CELLULE CANCEROSE, RAFFORZA L’INTESTINO E DISINTOSSICA IL FEGATO!

Il fungo shiitake, il cui nome scientifico è Lentinula edodes, è un fungo di origine asiatica diffuso soprattutto in Giappone e in Cina. E’ considerato il secondo fungo commestibile più consumato nel mondo. Il nome shiitake significa fungo della quercia.

Il cappello del fungo shiitake è circolare o reniforme e le sue dimensioni variano tra i 5 i 12 cm di diametro. Il gambo del fungo shiitake è tozzo e di colore bianco-ocra. Il colore del fungo è bruno con chiazze biancastre. Il fungo shiitake cresce in autunno e in primavera sui tronchi delle latifoglie

Dopo lo champignon, lo Shiitake è il fungo culinario più utilizzato al mondo, ha un sapore gradevole che può accompagnare quasi ogni piatto, e oltre a soddisfare il palato di tante persone, possiede mirabolanti proprietà medicinali. Di cosa parliamo? Della Lentinula edodes, ma anche comunemente chiamato anche “Fungo della quercia”, questo miceto, originario del Giappone, della Cina, della penisola Coreana e di altre aree dell’Asia orientale, si è affermato nei giorni nostri come uno dei funghi più apprezzati di sempre, infatti soprattutto nel continente americano, il suo consumo sta aumentando più rapidamente di qualsiasi altra cosa.

Storia

Nel suo habitat cresce su alberi dal legno duro morti o morenti, (soprattutto querce, castagni, faggi, ontani giapponesi ecc) durante l’inverno e la primavera, preferendo ombre boschive e vicinanza ai corsi d’acqua. Essendo un fungo attualmente coltivato nei paesi orientali,  hanno il merito di aver costituito diverse fattorie da cui ricavano oggi, quantità sempre maggiori di Shiitake, destinate all’esportazione di questo magico ingrediente per far fronte ad una domanda mondiale in continuo aumento.

Benefici

La medicina tradizionale cinese osanna questo fungo consigliandolo per proteggere in maniera eccellente l’intestino, per la salute del sistema immunitario e per promuove la salute di denti e bocca.

Oggi si è scoperto che è un validissimo alleato contro allergie da nichel, polvere, acari, peli e altro (Yamada et al., 2007) bronchite, cistite (Wasser, 2005) gonfiore intestinale e colica addominale (Bae et al., 1997) acne e malattie della pelle, carie e osteoporosi (Halpern, 2007; Lee et al., 2009).

Gli antichi lo consideravano uno stimolante dello stesso “Qi”, cioè l’energia vitale primordiale che anima il corpo e lo connette al cosmo vivente, secondo appunto la tradizione orientale. Data l’alta considerazione conferita dagli antichi medici orientali, era solo questione di tempo prima che gli scienziati di tutto il mondo ne verificassero le proprietà medicinali.

All’interno di questo fungo infatti troviamo diversi componenti attivi che si mantengono tali anche dopo l’essicatura del prodotto (che fa di esso un ottimo alimento anche se consumato dopo qualche tempo). Troviamo infatti Betaglucani 1-3, polisaccaridi KS2, glicoproteine (LEM LAP), eritadenina, ferro, niacina e quantità importanti di B1 e B2, che trovano il loro utilizzo nel trattamento di particolari patologie quali:

Cancro

Nel 1969, Tetsuro Ikekawa della Purdue University, lavorando in collaborazione con ricercatori dell’istituto nazionale per la ricerca contro il cancro di Tokyo, estrasse dallo Shiitake un betaglucano 1-3 che sperimentò su cavie nelle quali erano stati impiantati tumori. Nella maggior parte dei casi, dal 72 al 92%, la crescita tumorale venne inibita.

Da questo stesso studio nacque il Lentinano, che si dimostrò utile nella stimolazione della produzione di macrofagi, linfociti T, e altre cellule del sistema immunitario, comprese le citochine. Quasi subito il Lentiniano si dimostrò utile nella lotta contro il cancro anche se non presenta attività antitumorale diretta: infatti non influisce sulle stesse cellule tumorali, ma va ad agire a livello del sistema immunitario potenziandolo e quindi provocando una maggiore risposta immunitaria soprattutto da parte di cellule T e natural killer.

Il Lentinano è il terzo farmaco più prescritto al mondo per la lotta contro il cancro, purtroppo non è stato approvato dalla FDA tranne che per casi particolari, anche se è stato dichiarato completamente sicuro in quanto non ha evidenziato nessun tipo di reazione  avversa.

Epatite B

Una sostanza estratta dallo Shiitake chiamata LEM (da cui produciamo poi il farmaco sopracitato, Lentinano) è ritenuta anche utile contro l’epatite di tipo B, una malattia trasmessa da trasfusioni di sangue, aghi non sterilizzati e contatto sessuale. Diversi studi hanno infatti confermato che il LEM stimola la produzione di anticorpi che ostacolano l’epatite, aprendo la strada a nuovi tipologie di studi che mettono al centro una terapia basata sull’utilizzo di Shiitake. Gli estratti LEM e LAP vengono ricavati rispettivamente dal micelio di lentinula endodes e da composti colturali, sono fondamentalmente glicoproteine contenenti glucosio, galattosio, fruttosio, mannosio e zuccheri più rari come xilosio e arabinosio. Nel LEM troviamo anche derivati degli acidi nucleici, composti vitaminici del gruppo B ed ergosterolo. Entrambi questi composti stimolano il sistema immunitario dell’ospite.

Carie Dentaria

In diversi studi è stato osservato come lo Shiitake riesca ad essere efficace contro vari batteri, comprese alcune varietà dello streptococcus normalmente presenti nella bocca. Riequilibrando la flora batterica locale, rafforza l’immunità del cavo orale, tiene lontano da infiammazione delle gengive e protegge lo smalto dei nostri denti e le ossa mascellari agevolando il dentista nel lavoro (Shouji, 2000).

Flora intestinale

Un estratto di questo fungo ha rivelato effetti stimolanti per la crescita dei batteri “buoni” presenti nel colon. Secondo alcuni ricercatori gli estratti di lentinula edodes possono favorire la flora intestinale benefica e limitare gli effetti nocivi di certi enzimi batterici come la beta-glucosidasi, la beta-glucuronidasi e la triptofanasi, oltre a ridurre il rischio di formazioni tumorali nel colon e nell’intestino.

Lo Shiitake protegge il fegato

Sia il LEM che un estratto etanolico di Lentinula edodes hanno dimostrato di proteggere il fegato di topi trattati con dimetilnitrosamina, gli enzimi epatici sono risultati nella norma.

Controindicazioni

Come già detto i funghi Shiitake non presentano particolari controindicazioni.

Come usare lo Shiitake

Lo shiitake intero viene usato in cucina per la preparazione delle zuppe o come condimento per il riso e altre pietanze. Deve essere lasciato in ammollo per alcune ore prima di passare alla cottura così da ammorbidirlo.

Per uso terapeutico oggi è possibile acquistarlo sotto forma di polvere o compresse di estratto titolato che ne garantiscono i benefici per la Salute.

Dove comprare lo Shiitake

E’ importante acquistare un prodotto di qualità che garantisca i massimi benefici curativi di questo preziosissimo fungo medicinale. Per questo consigliamo lo Shiitake di Funghi Meravigliao sas che trovate disponibilie sul sito www.funghienergiaesalute.it Sono prodotti inclusi nel Registro degli Integratori Alimentari del Ministero della Salute. Non sono trattati con pesticidi, non OGM, microbiologicamente puri, non contengono metalli pesanti, né altre impurità.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK (QUI) o (QUI) o (QUI)

Seguici su Twitter (QUI)

Google + (Qui)

Al nostro canale Youtube (Qui)

Iscriviti al nostro gruppo Facebook (Qui) o (Qui) o (Qui) o (Qui

Fonte clicca QUI

Altro Marco

Loading...

Guarda Anche

(ATTENZIONE TUTTI!!) Aveva Problemi con i Vicini ed Ha Installato una Telecamera di Sorveglianza. Ciò Che Ha VISTO è DA TERRORE!!

(ATTENZIONE TUTTI!!)  Aveva Problemi con i Vicini ed Ha Installato una Telecamera di Sorveglianza. Ciò …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *